Facebook case study: Bauli

facebook case study - dolci novelle bauli 4

Sottovalutare il lavoro di creazione contenuti è uno degli errori tipici delle aziende che si affacciano nei Social Media.

Nel presente Facebook case study ti mostrerò la maniacale scientificità (< è un complimento!) con la quale Bauli produca contenuti per la sua pagina Facebook.

Il branding di Bauli: dolce e spensierato

Tutti i post di Bauli sono ispirati alla dolcezza e spensieratezza. Quando si scorre la pagina sembra di abitare in un mondo morbido e privo di problemi come lo percepivamo da bambini. Il target scelto da Bauli è prettamente femminile. A tal proposito, dopo aver speso vario tempo a studiare la pagina ed i suoi post, oserei dire che il profilo del frequentatore medio è quello di una madre con tendenze nostalgiche nei confronti della sua infanzia.

Non a caso i richiami all’infanzia sono molteplici. A tale proposito ci sarebbe da chiedersi quanti bambini siano iscritti a Facebook e, nel caso questi fossero in minoranza come è probabile che sia, se la Bauli abbia progettato appositamente questi post per attrarre le madri creando un’atmosfera infantile.

Molti sono i post spensierati e le uniche volte che l’utente è chiamato a riflettere è in relazione a giochi di parole e di immagini.

Bauli si spinge oltre i suoi prodotti per cercare un punto di contatto con il pubblico e ci riesce egregiamente con una serie di post relativi ai segni zodiacali, sapientemente circondati di rimandi alle loro pastine.

Non mancano certo aforismi e rubriche fantasiose (vedi dopo), che sono tra i tipi di contenuti per Social Media di più facile realizzazione.

Andiamo per ordine.

Oroscopo in chiave Bauli

Con l’oroscopo Bauli ha fatto un eccellente lavoro creativo. Per ogni segno ha indicato la caratteristica psicologica saliente ed immaginato una frase che il tipico individuo nato sotto il segno zodiacale corrispondente potrebbe recitare. Logicamente tale frase è pensata “in chiave Bauli” poiché include richiami ai prodotti della stessa casa produttrice.

zodiaco, oroscopo Bauli

Aforismi autoprodotti

Non potevano certo mancare gli aforismi tra le armi a disposizioni della pagina. Anche qui Bauli non si risparmia proponendo frasi di sua invenzione e proprietà. La chiave qui è semplicità e leggerezza. A riconferma della femminilità del target di Bauli pubblico qui sotto uno dei suoi aforismi chiaramente diretto al pubblico delle donne.

bauli facebook - aforisma donne

Le “Dolci Novelle”

Gioco di parole ed immagini, le Dolci Novelle sono un’altra categoria di post dove la Bauli investe in creatività. Il format seguito in questa categoria è geniale e semplice al tempo stesso e forse è da questi post che ho deciso di elaborare un Facebook case study attorno alla pagina di Bauli. Ecco qualche esempio:

facebook case study - dolci novelle bauli 2

Posizioni nel sonno

In questa categoria Bauli sperimenta la combinazione immagine + descrizione. Le immagini da sole non funzionano più e questa scelta sinceramente non l’ho capita né la condivido. Probabilmente questa categoria come altre che seguono lo stesso principio è stata creata per sfuggire ad una logica visiva troppo limitante.

bauli - posizioni nel sonno 3

Ricorrenze e giornate particolari

Come non prendere al volo l’occasione di una ricorrenza particolare? Bauli coglie questa opportunità evidenziando ricorrenze di vario tipo:

bauli facebook - venerdì 13

Post di vario genere

I tipi di contenuti non si esauriscono con le categorie sopracitate ma spaziano in molti altri ambiti:

  • “Dolci ricordi”, ossia foto che ritraggono famiglie perfette in varie pose;
  • I “Morbidi Amici”;
  • Rimandi al mondo scolastico;
  • Notizie d’attualità riguardanti principalmente news sugli animali;
  • Foto dei prodotti Bauli sopra invitanti tavole imbandite;
  • Ricette;
  • “3 Cose da fare…”.

Trasformazione della strategia di contenuti nel tempo

Oltre ad analizzare le categorie di post e al fine di studiare questo Facebook case study nella sua completezza, ho trovato interessante osservare come lo stile dei post cambia nel corso del tempo. A tale proposito ecco alcune tendenze che hanno caratterizzato i mutamenti di stile mese dopo mese:

  • E’ diminuito il dialogo razionale, a favore di immagini di matrice istintiva
  • La grafica si è semplificata e resa omogenea: all’interno della stessa categoria vengono sempre applicati gli stessi canoni grafici, con piccole varianti (il minimo necessario)
  • E’ stato abbandonata l’ambizione di fomentare il dialogo tra gli utenti (la categoria “3 Cose da fare…” è scomparsa totalmente nel tempo)

Questi cambiamenti fanno e devono far riflettere: cosa ha portato Bauli a modificare la sua strategia di contenuti? Come posso riutilizzare queste considerazioni per il lavoro sulle mie pagine sociali?

Facebook case study: conosci altri esempi?

Scommetto che frequentando Facebook tu sia incappato in pagine che pubblicano i loro post con scientificità e metodo.

Condividi con noi le pagine che hanno destato il tuo interesse e le studieremo insieme per trarre nuove idee ed insegnamento.

Commenta l’articolo usando l’area sottostante…il confronto è essenziale!

Condividi la pagina

Google+ LinkedIn

Commenti