Come scoprire le fregature SEO?

Anche se sembra andare contro il mio interesse, ci tengo che le aziende italiane inizino a prendere seriamente in considerazione il discorso web marketing per non trovarsi poi a dover soccombere di fronte ad un mercato spietato. Inoltre combatto ogni giorno contro le agenzie web che, pur di vendere, offrono servizi inutili e spesso dannosi alle aziende.

Pertanto ti svelo come scegliere un SEO adatto alla tua azienda.

La SEO (Search Engine Optimization) è una delle tecniche più efficaci per promuovere i siti e quindi ottenere più contatti. Molte aziende, essendo un tema piuttosto tecnico, si affidano ad esperti esterni.

Se si fa una ricerca su Google di esperti SEO, troveremo tantissimi risultati, anche allettanti (“gratis”, “pochi euro al mese”, “primo sui motori di ricerca”, ecc). Attenzione, però: molti di questi “professionisti” SEO fanno leva sulla inconsapevolezza delle aziende per vendere servizi scadenti ed inutili, oltre che spesso dannosi.

Come riconoscere, allora, le fregature SEO e come scegliere un vero esperto SEO?

Come trovare il giusto SEO

Esistono alcuni criteri per capire quali esperti SEO sono realmente competenti e non cercano di fregarti:

  • Promettono la prima posizione sui motori di ricerca?

    Se sì, allora hai un buon motivo per dubitare delle loro competenze: come spiega anche lo stesso Googlenessuno può garantire il primo posto sui risultati di Google, neanche per le parole chiave meno competitive.

  • Chiedi in giro

    Il passaparola non è mai morto: chiedi ad amici, partner commerciali ecc che hanno usufruito dei servizi di un esperto SEO.

  • Chiedi nei forum

    Ci sono molti forum che si occupano della promozione nel web e che puoi sfruttare per ricevere dritte giuste. Tuttavia attenzione perché nei forum non sono tutte persone oneste e molti pareri sono soggettivi, quindi è bene prendere con le pinze i giudizi (sia positivi che negativi) che danno rispetto ad un esperto SEO.

  • Cerca su Google

    Se l’agenzia o il SEO sono truffatori noti, è probabile che ci siano molte informazioni a riguardo nel web. Tuttavia, la mancanza di pubblicità negativa non decreta automaticamente l’onestà di un soggetto e viceversa.

  • Chiedere esempi di siti ottimizzati

    E’ lecito richiedere degli esempi di lavori svolti, anzi, è consigliato per scegliere un esperto SEO. Se l’agenzia web o il SEO si rifiutano per motivi di riservatezza, questo non è un buon sintomo di credibilità: gli ex clienti non dovrebbero essere un segreto!

  • Valuta il loro sito

    Se cercando su internet temi SEO e promozione online non trovate l’agenzia o il SEO in questione, significa che non sono in grado di promuoversi neanche per se stessi.

  • Chiedi delle parole chiave

    Chiedete loro per quali parole sono riusciti a posizionarsi nelle prime posizioni di Google: se la risposta è dubbia e non soddisfacente, potresti essere incappato in un venditore di fumo.

  • Usano mezzi automatizzati?

    Se sì, stanne alla larga: certi mezzi automatizzati possono escluderti dai motori di ricerca.

  • Usano trucchi SEO scorretti?

    Si chiamano trucchi SEO Black Hat, che letteralmente si traduce in “cappello nero” e sono le tecniche SEO scorrette o anche illegali. Chiedi loro come intendono lavorare e fai una ricerca anche breve su questi trucchi: se l’agenzia ne fa uso, evitala assolutamente.

  • Da dove ottengono backlinks?

    I backlinks sono molto importanti per il successo SEO ma se provengono da siti non affidabili, allora questo peggiora la SEO anziché migliorarla.

  • Prezzo elevato non significa qualità

    Se vi piace spendere di più, sappiate che comunque non significa ottenere di più. Se un’agenzia o un esperto SEO costano di più non li rende SEO migliori. A volte i costi alti dipendono dall’inefficienza dell’agenzia e non dalla qualità.

  • Il troppo economico ti costerà caro

    Anche questo è vero: se pensi di pagare spiccioli per una campagna SEO professionale, allora hai bisogno di pensarci meglio. Agenzie e professionisti SEO offrono prezzi realistici.

  • Fai domande specifiche

    Fare domande troppo tecniche può rivelarsi un’arma a doppio taglio, soprattutto se non sei un esperto. Ci sono però alcune domande tecniche semplici che possono aiutare (vedi dopo).

  • Offrono servizi di abbonamento?

    Fare SEO è importante e necessita di impegno costante. Per questo è bene scegliere un’agenzia o un esperto SEO che garantisca l’assistenza post-ottimizzazione, che non ti lasci solo dopo il lavoro. E’ bene anche che si occupino di campagne pay-per-click, per lanciare ulteriormente la tua campagna di marketing online.

Le 11 domande da rivolgere all’esperto SEO

Potete rivolgere delle domande all’agenzia o all’esperto SEO per capire come scegliere bene a chi affidare la vostra SEO.

Ecco una lista utile:

  1. Cosa pensate della struttura del mio sito, dei miei contenuti sul sito e fuori di esso? E dei link che sono riuscito ad ottenere da siti esterni?

    Chiedi loro di fare alcune osservazioni su questi tre fattori chiave SEO che influenzano la visibilità nei motori di ricerca.

  2. Che tipo di cambiamenti saranno necessari?

    Informati sulle modifiche che intendono fare al sito: dovrebbero risponderti che interverranno sia on-page (lavorando quindi sulle parole chiave nei contenuti del sito) che off-page (intervenendo sui metadati come il tag title e le meta descrizioni).

  3. Come avete intenzione di ottenere link che rimandano al mio sito?

    A questa domanda dovrebbero rispondervi sia rispetto alla quantità di link che alla qualità: link su siti di settore importanti per il web, articoli su siti pertinenti, directory, istituzioni, fornitori, ecc.

  4. Mi mostrate degli esempi di lavoro svolto?

    Non fidatevi delle parole, fate capire che volete i fatti.

  5. Quanto traffico devo aspettarmi e in che lasso di tempo?

    Ci sono troppi fattori da considerare ma, supponendo che il tuo sito è tecnicamente valido e ha contenuti originali di qualità, ci si aspetta che entro circa tre mesi il traffico aumenti del 50-100% e molto di più se il tuo sito è scarso.

  6. Quali parole chiave pensi facciano al caso mio?

    Non è facile definire le parole chiave durante il primo incontro ma definire le parole chiave fondamentali per il vostro settore è possibile. L’agenzia o l’esperto SEO dovrebbero argomentare sulla geolocalizzazione, sulla competitività e altri fattori da prendere in considerazione.

  7. Quanti lavorano per voi?

    Questo per capire se si tratta di una piccola, media o grande agenzia SEO. Non per forza ti serve una grande agenzia (anzi, quasi mai): tutto dipende dai tuoi obiettivi di marketing.

  8. Chi lavorerà al mio progetto?

    A volte le agenzia esternalizzano il lavoro a professionisti SEO: è tuo diritto sapere in che mani finirà il tuo progetto e conoscere chi ci lavorerà può essere anche più produttivo. Questo deve avere almeno tre anni di esperienza SEO.

  9. Da quanto fate SEO?

    Anche se potete accertarvene da soli (dal sito, col passaparole, ecc) è curioso sentire cosa vi rispondono. Comunque non deve essere sotto i tre anni di esperienza.

  10. Che esperienza avete nel mio territorio?

    Se vendi prodotti o servizi territoriali, potrebbe essere utile l’esperienza di geolocalizzazione nel tuo territori.

  11. Seguite le Istruzioni di Google per i webmaster?

    E’ importante rispettare le linee guida che Google e gli altri motori di ricerca indicano agli esperti per lavorare bene.

Due domande “a trabocchetto”

Ci sono due domande che potreste fare ulteriormente per capire come scegliere un esperto SEO:

  • chiedere su quanti motori di ricerca apparirà il tuo sito in automatico: se risponderanno con grandi numeri, allora la loro intenzione è solo quella di impressionarti per vendere. La risposta più corretta è “non c’è niente di automatico”.
  • Un’altra domanda potrebbe essere se il tuo sito apparirà tra i primi 10 risultati per alcune parole chiave competitive di tua scelta. In realtà sono loro che devono scegliere le parole giuste per te! Se ti rispondono che basta fornirgli le parole e loro ti spingono in alto, puoi dirgli tranquillamente addio.

Le domande che ti rivolge un buon SEO

Puoi valutare un buon SEO anche grazie alle domande che ti rivolge. Vediamo quali sono quelle che devi aspettarti.

  • Per quali parole chiave pensi di dover posizionare la tuaazienda?
  • Chi pensi siano i principali concorrenti, sia on-line che off-line?
  • Da quanto è attivo il vostro sito/URL?
  • Avete un CMS (Content Management System) per modificare icontenuti del sito?
  • Avete già fatto attività di SEO prima d’ora?
  • State facendo campagne Pay-per-click?
  • Cosa vi aspettate dal vostro investimento SEO e in che tempi?
  • Potete fornirci l’accesso alle statistiche di Google Analytics?
  • Avete altri siti web/URL?
  • Quali altre iniziative di marketing avete in corso?

E ora sai come scegliere un buon SEO

Queste erano i consigli più pratici e veloci sul come scegliere un SEO. Ovviamente ci sono molti altri fattori da considerare ed ogni caso è diverso, quindi non essere troppo rigido nel seguire alla regola queste dritte.